Contributo a fondo perduto per ammodernamento tecnologico

Contributo a fondo perduto per ammodernamento tecnologico

State per digitalizzare un ramo della vostra attività? Dovete comprare dei nuovi computer? Volete acquistare una licenza di cofferweb o di altri software? C’è una buona notizia per voi: alla fine di ottobre 2017 è stato pubblicato un bando dal MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) che permette alle aziende iscritte al Registro delle Imprese di accedere ad un contributo a fondo perduto del 50% per progetti di digitalizzazione e ammodernamento tecnologico. Tra le spese ammissibili, oltre ai corsi di formazione effettuati dagli specialisti per imparare ad utilizzare nuovi programmi, vi sono le licenze dei software acquistati.

Cosa significa?

A partire dal 15 gennaio 2018 le micro, piccole e medie imprese potranno presentare domanda per ricevere un contributo sotto forma di voucher per le spese di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico.
I contributi sono rivolti a tutte quelle attività con sede in Italia che vogliono migliorare le loro dotazioni tecnologiche (quindi nuovi PC, stampanti, accessori 3D, etc.) e digitalizzare alcuni processi che possono essere semplificati con l’uso di nuovi software (come per esempio un gestionale aziendale come cofferweb).
Nello specifico le spese, fino ad un massimo di 10.000,00 euro, ammissibili sono:

  • Acquisto di hardware, software, inclusi software specifici per le transazioni on-line;
  • Soluzioni E-commerce, Banda larga e tecnologia satellitare;
  • Formazione qualificata, nel campo ICT (Information and Communication Technology), del personale.

Come richiedere il voucher per la digitalizzazione?

Per poter accedere al contributo bisogna effettuare una domanda di accesso alle agevolazioni che potrà essere presentata a partire dal 30 gennaio 2018 al 9 febbraio 2018. La procedura informatica (online) per compilare la domanda sarà accessibile dal 15 gennaio. Per l’accesso è richiesta una casella PEC (posta elettronica certificata), la Carta nazionale dei servizi e la registrazione nel Registro delle imprese.
Dopo aver effettuato dei controlli preventivi, il Ministero determinerà l’importo da erogare all’azienda in funzione dei titoli di spesa ricevuti.

Hai bisogno di ulteriori informazioni?

Se volete saperne di più vi invitiamo a contattarci via mail all’indirizzo: [email protected]. Cercheremo di rispondere a tutte le vostre domande e mettervi a disposizione i nostri consulenti nel caso siate nostri clienti.

Assistenza Clienti

L'assistenza telefonica è disponibile al numero 0432 1637988 nei giorni feriali dalle 9:30 alle 18:00.
Oppure è attivo il servizio di ticket

Categorie del Blog